La Fi.Fa. al Mugello per la MotoGP

fifa-mugelloIl circuito del Mugello nasce cento anni fa – nel 1914 – snodandosi per circa 66 polverosi chilometri di percorso stradale, che vedono sfrecciare leggende come Enzo Ferrari, Borzacchini, Campari ed Emilio Materassi. La sua storia conosce momenti bui come lo scoppiare della guerra e l’offuscamento dovuto alla popolarità della “Mille Miglia” che fino agli anni 60 monopolizzerà l’attenzione degli amanti della corsa.

Un rinnovato interesse per le competizioni automobilistiche riporta in auge il tracciato del Mugello e, nel 1967, fa la sua apparizione in forma ufficiale la Ferrari (che lo acquisterà nel 1988). Sono anni di grande e rinnovato entusiasmo del pubblico per le vetture e l’audacia dei piloti in lotta per il titolo con prodezze come quella dell’edizione del 1968, dove l’Alfa Romeo guidata da Bianchi e Vaccarella vince, dopo una gara esaltante, sulla Porsche di Siffert e Steinemann.

Nel corso del tempo, e sulla base dell’esperienza agonistica, il Mugello si trasforma da percorso stradale ad Autodromo tecnologicamente avanzato e sicuro, sia per i piloti, sia per il pubblico che ogni anno partecipa numerosissimo alle sue competizioni. Il circuito, dal 199, è anche sede del Gran Premio d’Italia di motociclismo; qui Valentino Rossi, definito il “padrone di casa”, ha celebrato il suo record di vittorie per ben sette anni consecutivi, dal 2002 al 2008.

Anche quest’anno, per la sesta edizione, al Gran Premio d’Italia di MotoGP ogni aspetto della sicurezza sarà garantito dalla Fi.Fa. Security, agenzia che espleta i suoi servizi d’ordine per concerti e grandi eventi, vigilanza e prevenzione incendi, accompagnamento vip in tutta Italia.

Annunci

Vandali messi in fuga

ImmaginePer passa tempo, forse per scacciare la noia di una serata qualunque, si erano messi a spaccare le fioriere di terracotta appese sui muri esterni del negozio “La Pantera Rosa calzature” in via Pizzi angolo via San Martino, in pieno centro a San Benedetto. Opera di scellerati vandali che poi sono stati costretti a fuggire per non farsi beccare dalla guardia giurata della FiFa Security in servizio di controllo in quella zona. E’ accaduto intorno all’1,45 della notte fra giovedì e venerdì. I giovani, vistisi scoperti, sono risaliti a bordo di una Volvo e si sono allontanati velocemente. Ora, però, c’è la fondata possibilità che possano essere tutti identificati dal personale del commissariato di pubblica sicurezza che è in possesso del modello dell’auto e del numero di targa. Rischiano la denuncia penale per danneggiamento. Le due fioriere, che contenevano terra e piantine ornamentali, erano state messe ad un’altezza di circa due metri da terra, per abbellire l’ingresso del negozio. Di certo non davano fastidio a nessuno, anzi erano un tocco di colore in una via che non eccelle per decoro urbano.

 

Fonte: Il Resto del Carlino, 26/04/2014