MotoGP, Lorenzo: “I bodyguard vanno bene”. Marquez: “No, io ci rinuncio”

 Al eec43e718690d947b03de6606bb1c02c_169_mMugello rafforzata la sicurezza per i due spagnoli. Jorge: “Nel paddock non servono, fuori forse, ma speriamo non ce ne sia bisogno”. Marc: “Sono stato accolto con foto e richieste di autografi, ho detto alla Dorna che non le voglio: la moto non è sport in cui succedono certe cose”

Il Mugello, sesta gara delle 18 del mondiale 2016, segnerà un terzo del cammino. Il popolo dei tifosi di Rossi aspetta una vittoria del suo beniamino che manca dal 2008, mentre Lorenzo, il leader del mondiale, vi ha vinto 4 volte negli ultimi 5 anni. Jorge spiega così il suo feeling con la pista toscana: “Ci sono tracciati in cui trovi meglio i tuoi limiti e hai dei vantaggi e il Mugello è uno di questi: è la pista dove ho ottenuto i miei risultati migliori negli ultimi anni, ed è la mia preferita. Dovizioso? Sarà positivo averlo come compagno perché è intelligente e sa collaudare bene la moto, ma sarebbe andato bene pure Iannone che ha uno stile simile al mio, ma ora avrò Rossi fino a fine 2016 e devo penso a questo e a fare il meglio per la Yamaha”. Infine il capitolo bodyguard, che l’organizzazione ha predisposto, sia per lui sia per Marquez: “Nel paddock non serviranno, fuori forse sì: in Italia ci sono molti tifosi, non si sa mai come possano reagire, ma se non ne avremo bisogno sarà meglio”.

MARQUEZ: — Marquez deve recuperare dalla caduta di Le Mans: “Sarà un altro week end difficile, dobbiamo puntare a far crescere bene la moto. I bodyguard? Da quando sono arrivato qui sono stato molto bene, con richieste di foto e autografi dai tifosi. Quando ho visto la mia guardia del corpo ho detto alla Dorna che non ne ho bisogno: voglio sentirmi normale, siamo in uno sport in cui non succedono episodi gravi di quel tipo”.
PEDROSA — Pedrosa festeggerà al Mugello il 250° GP in carriera. “È una cifra incredibile, potevo forse raggiungerla anche prima, ma ho avuto degli infortuni che mi hanno frenato. Da una parte è un traguardo che mi fa pensare perché ho già fatto molte gare, ma dall’altra parte è bello essere ancora qui a lottare”
Gazzetta dello Sport del 19 Maggio 2016

L’inferno al pronto soccorso. Aggredisce una guardia con un coltello, arrestato un romeno

polizia-notteSAN BENEDETTO • Un romeno di 40 anni è stato arrestato dalla polizia del commissariato dopo aver tentato di aggredire, con un coltello, una della guardie giurate in servizio all’ospedale. E’ stato così, con le manette scattate ai suoi polsi, che si è conclusa la nottata di inferno vissuta al Pronto Soccorso dell’ospedale di San Benedetto. Tutto è iniziato intorno alle 23 e 30 di questa notte quando due persone, un romeno di 40 anni ed un nordafricano di poco più giovane, hanno iniziato a dare in escandescenze all’interno del reparto di emergenza.

I due erano si erano rivolti poco prima al pronto soccorso per questioni di poco conto ed erano stati dimessi. Ma di andarsene da lì, non si è capito bene per quale motivo (erano visibilmente ubriachi) non volevano saperne ed hanno così cominciato a diventare molesti sia nei confronti delle altre persone in attesa che verso medici e infermieri in servizio. Sono così state costrette ad intervenire due guardie giurate in servizio nell’area che hanno tentato di riportare la calma.

Ci sono riuscite con il nordafricano che, alla fine, è rientrato nei ranghi ed ha accettato l’invito ad allontanarsi dall’ospedale di propria volontà. Sul posto è invece rimasto il romeno che, improvvisamente, avrebbe tirato fuori un coltello piombando addosso ad una delle due guardie. Fortunatamente non è riuscito a colpire l’agente di polizia privata che lo ha schivato ed immobilizzato.

Di fronte a quest’ultimo gesto si è così reso necessario richiedere l’intervento delle forze dell’ordine. Il commissariato ha inviato una volante giunta sul posto nel giro di pochissimi minuti. Il romeno è stato preso in consegna dagli agenti e identificato. E’ stato arrestato.

Lube e Fifa Security insieme per la tua sicurezza

Tanta Energia 4

Le Hostess e i commerciali della Fi.Fa. Security saranno presenti, in occasione della partita della Lube Volley il giorno 6 Marzo 2016, presso il palazzetto di Civitanova, pronti a dare e fornire informazioni utili per la tua sicurezza.

Saranno distribuiti volantini all’ingresso e verranno lasciati i voucher sulle poltroncine rivolti alla tifoseria biancorossa per spiegare il nostro progetto Galileo.
Possibilità di utilizzo gratuito di un dispositivo di videosorveglianza e antintrusione.

Info al 0735.657401 oppure vai alla nostra pagina dedicata sul sito Fi.Fa. e registrati

1

2

 

 

Sicurezza, supporto della vigilanza privata per le feste natalizie.

Movida-violenta-780x400Il Comune ha sottoscritto una convenzione con la Fifa Security. Piano illustrato alla riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presso la Prefettura

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Feste natalizie in tranquillità. E’ l’obiettivo dell’amministrazione comunale, che mercoledì mattina ha preso parte alla riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presso la Prefettura di Ascoli Piceno.

Il sindaco Gaspari intende rafforzare il pattugliamento delle zone a rischio con la collaborazione tra Polizia Municipale e vigilanza privata.

In seguito – ma occorrerà attendere l’anno nuovo – si provvederà all’installazione di videocamere di sorveglianza.

Il Comune ha sottoscritto una convenzione con la Fifa Security. Sotto le festività, gli agenti sono in servizio dalle 19 alle 21 e dalle 23.30 alle 6. Questi perlustrano le vie centrali occupate dai locali, soprattutto dopo l’orario di chiusura degli esercizi.

RIVIERA OGGI

DI — 16 DICEMBRE 2015 @ 19:31

Entra per rubare al ristorante ma suona l’allarme. Lo trovano nascosto sotto il bancone

SAN BENEDETTO • Nottata mocarabinieri-500x300vimentata in un ristorante del lungomare sambenedettese. Intorno alle 3 e 30 di questa notte, infatti, un ladro è penetrato all’interno del locale per rubare. I suoi movimenti non sono però sfuggiti al sistema d’allarme che è subito scattato.

Sul posto, in pochi minuti, è arrivato il metronotte di pattuglia che ha subito individuato la porta forzata dal ladro. Ha così allertato i carabinieri ed il titolare del ristorante con il quale è entrato per ispezionare il locale.

Sulle prime, i due, non hanno trovato nessuno ma, dopo una più attenta perquisizione si sono accorti che il ladro si era nascosto sotto il bancone tentando di coprirsi con qualche scatolone. E’ stato preso in consegna dai carabinieri che lo hanno arrestato e portato in caserma.

Si tratta di un romeno di 22 anni che, questa mattina, è stato posto ai domiciliari in un residence del territorio. Il giovane, infatti, risultava domiciliato all’interno della struttura e lì dovrà scontare il provvedimento deciso dal Tribunale. Una decisione che probabilmente farà discutere dopo la scelta di dare l’obbligo di dimora ai due ladri arrestati nella notte tra venerdì e sabato in una tabaccheria di Grottammare.

LANUOVARIVIERA.IT

 

Porto San Giorgio, si apparta in spiaggia Giovane scippatore scoperto dai vigilantes

20150829_scippoPORTO SAN GIORGIO – Ha scippato una donna.
Poi, per controllare l’entità e il valore della refurtiva, si è appartato in spiaggia. Ma non ha notato che un vigilante della Fi.Fa. security, la cui attenzione era stata richiamata dai suoi atteggiamenti sospetti, lo stava controllando a distanza.

E quando il vigilante è intervenuto per chiedergli spiegazioni, allo scippatore, un minorenne nordafricano residente nel Fermano, non è restato altro da fare che allargare le braccia in attesa dell’arrivo della polizia.
L’episodio criminoso, risoltosi fortunatamente nel migliore dei modi, si è verificato giovedì notte, intorno all’1,30, sul lungomare centro di Porto San Giorgio, a pochi metri di distanza da piazza Bambinopoli.

CORRIEREADRIATICO.IT

Tre giovani sambenedettesi sorpresi a rubare una bici. Interviene la Guardia Giurata Fi.Fa. Security

biciclette-500x300SAN BENEDETTO • Probabilmente si è trattato di una ragazzata dettata più dall’euforia della serata che dalla volontà di commettere un crimine. Fatto sta che tre giovanissimi sambenedettesi sono finiti in caserma, dai carabinieri, dopo essere stati sorpresi a rubare una bicicletta sul lungomare.

I tre sono stati avvistati da un metronotte mentre erano intenti a strappare via una bici – tra l’altro di scarso valore – dalla catena a cui era legata. La guardia li ha bloccati ed ha avvisato i carabinieri subito giunti sul posto.

I tre sono stati portati in caserma dove hanno dovuto fornire spiegazioni sul loro gesto. Per loro sono scattate le denunce a piede libero.

LANUOVARIVIERA.IT